Un isola deserta per i fautori del fallimento

Pubblicato il da Lo spirito e l'anima

In questi momenti ci sono due cose certe:il fallimento dell'euro e il clima.

Mentre per il secondo bisogna assolutamente fare qualcosa e anche di più perchè il problema è mondiale e rischia di sommergerci tutti prima ancora di capire cosa sta succedendo,il primo ,cioè l'euro,non si può fare più nulla.

Il fallimento è dato da tre certezze:coloro che l'ahho fortemente voluto sotto il profilo politico,hanno completamente sbagliato e sono fuori da tutti i giochi solo che a pagarlo di fatto sono le persone.

Le elezioni di ieri  in WESTFALIA hano sancito la chiusura del cerchio.
I tecnocrati che spinti dalle multinazionali avevano certificato la moneta come unica e sicura in grado di competere sui mercati internazionali,sono scomparsi e se non lo sono farebbero meglio a tacere visto che le loro filosofie di crescita e sviluppo sono miseramente fallite.

Bisognerebbe esilarli su un isola guardata a vista e impedigli di comunicare con il modno esterno e di rilasciare qualsiasi informazione.
Potranno fare quello che vorranno ma sempre e comunque restando sull'isola che verrà chiusa e recintata un pò come i CPT.

Parlando di Spagna di Grecia ,di Irlanda e di Portogallo e l'Italia?

Da solo abbiamo più debito di queste tre nazioni messe insieme .
Gli imprenditori  hanno due alternative o rimangono e si suicidiano oppure migrano con la loro esperienza e la voglia di fare all'estero dove,come in Svizzera e Carinzia gli offrono ponti d'oro.

La crescita non esiste più e i consumi si sono azzerati e in virtù della ruota economica che NON produce più ma crea solo servizi  e deve sostenere sia le pensioni chei cassa integrati è filisologico pensare che avverrà il "black-out" quanto prima.

I giornali scrivono e i media riempiono gli spazi con nefandezze solo per accresecere l'insicurezza e attraverso questa gestire la paura della gente.
ma anche solo sono al termine e quando i finanziamenti saranno finiti ( avete notato che ora c'è lo sgravio della pubblicità sulla carta stampata?) cesseranno di esistere o ne rimarranno in piedi solo quelli che non hanno debiti attivi.

E solo questione di tempo .

 

                                                           © Eugs Comunication's

 

 

EugsCopyBlog2

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post