Ragionamento

Pubblicato il da shitshop

Tutti ci siamo accorti che c'è questa sollevazione nell'area mediorientale.

Di fatto ho già scritto che sicuramente la rete ha collegato e messo in moto e materializzato il disagio di questi popoli : l'Italia stà già vedendo gli effetti con l'invasione .
Quello che invece sta succedendo il Libia fa si parte dello stesso contesto,ma ho come l'impressione,che qualcuno voglia trasferire l'opinione pubblica mondiale a guardare da un'altra parte.
Il Giappone ha posto il mondo davanti ad un problema enorme e molti Stati hanno già preso delle decisioni,altri ancora le prenderanno e maggiore sarà il tempo che passerà per chiudere il problema giapponese e più grande sarà l'impatto sulla gente.
Le aziende che direttamente o indirettamente sono collegate al nucleare sono moltissime e una buona parte di loro sono quotate in borsa :dopo l'episodio nipponico,c'è stato un vero e proprio tracollo .
Un tracollo che è proporzionale a quanto lo stato ha investito nel nucleare .
In Europa sicuramente la Francia è quella più esposta .
Allora è chiaro che con questi dati NON posso non farmi una domanda spontanea:l'attacco voluto in fretta e furia verso la Libia ha solo un motivo strettamente di "aiuto" per i ribelli o è un tentativo ( andato a male visto che la situazione giapponese peggiora ) di ,come scritto sopra,spostare l'interesse della pubblica opinione e quindi di far ritornare gli investitori sul campo del nucleare?

Commenta il post

Namrata 03/27/2011 15:26

Cazzarola... non c'avevo mai pensato... però sorge il dubbio.... tutto così all'improvviso, proprio in coincidenza con il disastro nucleare... sicuramente si saprà qualcosa di più più avanti... vedremo.... comunque non dimentichiamo che il nostro voto al referendum è importantissimo... bisogna diffondere la notizia e soprattutto dire che è importante capire che bisogna votare Sì e non no! Molte persone ancora non l'hanno capito