Dopo Perugia

Pubblicato il da shitshop

Non c'è un vincitore e neppure un vinto.

Alla fine l'unico colpevole è la giustizia italiana che esce sconfitta non per l'assoluzione ma perche non è più in grado di assolvere la funzione per la quale è stata creata.
Se analizzate gli utimi casi di cronaca degli ultimi 10 anni vi renderete immediatamente conto che il colpevole reale è stato trovato solo per via di un paiio di condizioni.
O l'ammissione dello stesso oppure per la confessione di un pentito;se non ci sono queste allora il colpevole non esiste.
Ma soffermiamoci su questo caso.

L'impianto accusatorio non è stato mai verificato dal principio perche se lo fosse stato,
LUMUMBA non avrebbe fatto neppure un giorno di carcere per poi essere liberato SOLO perche il giorno del delitto era con un professore svizero che ha valicato il confine per salvarlo.
Diversamente cioè se in quel lasso di tempo il professore per assurdo sarebbe scomparso,LUMUMBA oggi avrebbe un ergastolo.
In un secondo tempo poi arriva il livoriano  che non ha alle spalle famiglie facoltose come i due imputati principali e la sua posizione viene stralciata e nel giro di due anni viene condannato in primo grado e riconferameto in appello.
La domada è: la sua condanna è perche NON aveva soldi per una avocatura potente  e preparata o perchè realmente lui ha commesso o partecipato al delitto?
Tutte le risposte della sentenza non hanno luogo a procedere perche l'assoluzione di oggi la rimette nettamente in discussione.
A che serve tutta la tecnologia investigativa se poi coloro i quali sono in prima linea con regole accademiche e personali non le sanno mettere in pratica?
Il mondo ora ci chiede:ma se erano innocenti perche hanno fatto 4 anni di carcere?
Io non voglio are ne il colpevolista ne il garantista ma di fatto il dubbio rimane e si cementifica sempre di più che in Italia se non hai a disposizione una solida famiglia o un esagerato conto in banca o incontrvertibili amicizie politiche,puoi essere colpevole della tua innocenza.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post